SIA Sezione Ticino, Via Lugano 23, CH-6500 Bellinzona - T. 091 825 55 56 - F. 091 825 55 58 - info@sia-ticino.ch

powered by lavb.ch
STAMPA

Comunicati

La SIA compie 175 anni e festeggia!

Proprio 175 anni fa, il 24 gennaio 1837, 57 costruttori edili e altri tecnici provenienti da quasi tutti i Cantoni della Svizzera tedesca si incontrarono al Casinò di Aarau per fondare la Società svizzera degli ingegneri e degli architetti (SIA).

(sia) Nel lontano 1837 non esisteva ancora in Svizzera una formazione per architetti e ingegneri (il Politecnico federale di Zurigo fu infatti fondato solo nel 1855), perciò in quel momento l’obiettivo più importante dell’associazione fondata su iniziativa di Carl Ferdinand von Ehrenberg, professore di matematica applicata e arte dell'edilizia all'Università di Zurigo,era la «promozione di conoscenze nell’ambito dell’architettura e dell’ingegneria».

Se si volge uno sguardo alla lunga e movimentata storia della SIA, emerge chiaramente che la Società svizzera degli ingegneri e degli architetti ha saputo confrontarsi sempre con questioni di grande attualità - dalla costruzione della ferrovia alle grandi correzioni dei corsi d'acqua fino all'ottimizzazione energetica e di pianificazione del territorio nella costruzione in Svizzera; dalla prima normazione sul formato dei mattoni (1883) fino alla nuova serie di norme per la conservazione delle strutture portanti o al Promemoria SIA «Percorso efficienza energetica». La Società ha inoltre imboccato a più riprese nuove vie che spesso, in seguito, si sono dimostrate vere e proprie azioni pionieristiche.

Anche oggi gli specialisti della SIA si trovano di fronte a grandi sfide che potrebbero essere facilmente ridotte a un unico comune denominatore, ovvero quale sia la via per mantenere standard di vita e qualità della costruzione Svizzera elevati che dalla Rivoluzione industriale sono andati migliorandosi continuamente, senza esaurire le nostre risorse e l'ambiente che ci circonda. Il trasferimento di conoscenze dall’architettura e dalle scienze ingegneristiche alla politica e alla società è oggi indispensabile, mai quanto prima.

Oggi, a 175 anni dalla sua fondazione, non è un caso che la Società sia annoverata come l’associazione professionale di riferimento per specialisti qualificati nell’ambito della costruzione, della tecnica e dell’ambiente. Con il suo catalogo di norme costantemente aggiornato ha istituito l'insieme di regole riconosciute e indispensabili per la progettazione e la costruzione in Svizzera. La SIA è stata in grado di rendere accessibile un nuovo ventaglio di servizi tagliati su misura delle esigenze dei propri membri. Tra le prestazioni offerte vi sono per esempio la consulenza giuridica, nonché i corsi di perfezionamento professionale orientati alla prassi. Grazie a diversi interventi è in grado di trasmettere una cultura edilizia di elevato livello attirando così l'attenzione sull'importante opera degli specialisti del settore, fautori di questa filosofia. Riassumendo, il fatto che la Società, grazie all’instancabile impegno dei suoi pecialisti, sia da ormai cinque generazioni un'associazione professionale piena di vita che gode di interesse e di fiducia sempre più ampi, è certamente un motivo in più per dare il via ai festeggiamenti.

In occasione del suo solenne giubileo, la SIA non vuole commemorare soltanto se stessa, ma soprattutto ringraziare i propri membri per il contributo essenziale apportato all’organizzazione lungimirante della costruzione e dello spazio di vita Svizzera: la sera del 4 maggio 2012, ad Aarau, proprio dove la SIA è stata fondata, avrà luogo la grande cerimonia per la commemorazione del 175° anniversario, gli ospiti attesi sono circa 800. La serata segnerà l’apertura della «15n» - la settimana dell’architettura e dell’ingegneria svizzera che si terrà anche quest’anno. Nell’anno del giubileo, per la prima volta, nella cornice della 15n tutte e 18 le sezioni della SIA per un totale di 360 visitatori apriranno al pubblico diverse nuove costruzioni in tutta la Svizzera. Parallelamente al 15n, è in programma una carrellata di iniziative e attività regionali, al cui centro si aggiungeranno feste di sezione del giubileo.

Pubblicata il 24.1.2012